Contrada Torre di Palme

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Stampa PDF

La figura del Priore nella Contrada

I Priori, espressione popolare, avevano un incarico di prestigio con attribuzioni molto vaste. Essi dovevano vestire tutti in maniera uguale, con l’abito priorale. Con questi abiti i Priori di contrada venivano chiaramente identificati all’interno della comunità fermana. Essi erano mantenuti a spese del comune ed avevano una loro famiglia composta dai famigli, un cuoco e sei domicellos. Dovevano curare tutto ciò che riguardava il pacifico e buon andamento della cosa pubblica: nelle loro mani si concentrava gran parte del potere esecutivo, sottoscrivevano le lettere ufficiali apponendovi il sigillo della città. Potevano imporre bandi per materie che riguardavano l’ordine e la sicurezza dello stato. La cerimonia d'investitura dei Priori di contrada è uno dei momenti più importanti e significativi della rievocazione; infatti la cerimonia prevede che dalla cassa di legno portata nella piazza dagli armigeri del comune vengano estratti i bossoli recanti i nomi dei signori della città che avranno il dovere di amministrare la Contrada e a turno la Città.

I Priori Gialloverdi

ANNO DOMINI NOME FOTO
dal al
1982 1988 Roscioli Giampiero (detto Teto)
1989 1991 Diomedi Sauro
1992 1994 De Viti Emidio (detto Mimì)
1995 1997 Fiacconi Paolo
1998 2001 Properzi Gianfranco
2002 oggi Tramannoni Massimo
Share
 
  • images/stories/sondaggio_foto/images.jpg
  • images/stories/sondaggio_foto/provincia.jpg
  • images/stories/sondaggio_foto/scudo_tdipalme.jpg

PALIO 2015 -1577 Giorni all'evento